Fornetto per pizza con pietra lavica: informazioni e caratteristiche

1
2
3
4
5
Ariete 985 Bon Cuisine 300 - Forno elettrico ventilato, Dimensioni interne: 355x305x275 mm, 30...
Ardes Gustavo-Forno Elettrico Ventilato con Luce Interna, 10 Litri, con 6 Funzioni Cottura,...
Nordmende Fornetto elettrico ventilato con capacità 38 L, Potenza 1500 W, 6 modalità di...
Cecotec Bake&Toast - Forno elettrico da tavolo, capacità di 10 litri 490 bianco
Bakaji Forno Fornetto Elettrico Ventilato 38 Lt Potenza 1600W con Luce Interna 4 Selezioni di...
Ariete 985 Bon Cuisine 300 - Forno elettrico ventilato, Dimensioni interne: 355x305x275 mm, 30...
Ardes Gustavo-Forno Elettrico Ventilato con Luce Interna, 10 Litri, con 6 Funzioni Cottura, Doppio...
Nordmende Fornetto elettrico ventilato con capacità 38 L, Potenza 1500 W, 6 modalità di cottura,...
Cecotec Bake&Toast - Forno elettrico da tavolo, capacità di 10 litri 490 bianco
Bakaji Forno Fornetto Elettrico Ventilato 38 Lt Potenza 1600W con Luce Interna 4 Selezioni di...
Ariete
Ardes
NORDMENDE
Cecotec
BAKAJI
OffertaBestseller No. 41
Ariete 985 Bon Cuisine 300 - Forno elettrico ventilato, Dimensioni interne: 355x305x275 mm, 30...
Ariete 985 Bon Cuisine 300 - Forno elettrico ventilato, Dimensioni interne: 355x305x275 mm, 30...
Potenza 1500 WCapacità 30 LMassima temperatura 230° C
99,90 €73,99 €
Bestseller No. 42
Ardes Gustavo-Forno Elettrico Ventilato con Luce Interna, 10 Litri, con 6 Funzioni Cottura, Doppio...
Ardes Gustavo-Forno Elettrico Ventilato con Luce Interna, 10 Litri, con 6 Funzioni Cottura,...
Accessori: teglia e griglia dimensioni 26,7 x 19,2 cm; pinza per teglia/grigliaModalità di cottura sopra e sotto contemporaneamenteTermostato regolabile 90 / 230°C; timer 60 minuti; spia "temperatura raggiunta"
Bestseller No. 43
Nordmende Fornetto elettrico ventilato con capacità 38 L, Potenza 1500 W, 6 modalità di cottura,...
Nordmende Fornetto elettrico ventilato con capacità 38 L, Potenza 1500 W, 6 modalità di...
Potenza:1500 wattTimer: 60 minuti, Luce interna e LED di accensionePorta con doppio vetro isolato
Bestseller No. 44
Cecotec Bake&Toast - Forno elettrico da tavolo, capacità di 10 litri 490 bianco
Cecotec Bake&Toast - Forno elettrico da tavolo, capacità di 10 litri 490 bianco
Bestseller No. 45
Bakaji Forno Fornetto Elettrico Ventilato 38 Lt Potenza 1600W con Luce Interna 4 Selezioni di...
Bakaji Forno Fornetto Elettrico Ventilato 38 Lt Potenza 1600W con Luce Interna 4 Selezioni di...

Quando si vuole preparare la pizza fatta in casa lo si fa per riunire intorno al tavolo tutta la famiglia dopo un’intera giornata di lavoro, o anche per festeggiare un lieto evento tra amici. Ma cosa fare quando il risultato delude le aspettative?

A tutti sarà capitato di sfornare una pizza poco cotta, oppure troppo secca, senza mai riuscire con facilità ad individuare i parametri da seguire per un risultato ottimale. Questo perché, per cuocere una pizza come in pizzeria, è necessario raggiungere durante la cottura una temperatura di calore molto elevata che le prestazioni dei tradizionali forni domestici non consentono di ottenere.

Il fornetto per pizza in pietra lavica riesce ad ovviare a questo inconveniente perché è un forno ideato per offrire la possibilità di cuocere direttamente a casa un’ottima pizza di altissima qualità, esattamente come quelle che si possono gustare nelle migliori pizzerie.

 

Cos’è la pietra lavica

La pietra lavica è una roccia naturale di origine vulcanica. La lava, o magma, che fuoriesce durante le eruzioni vulcaniche, a contatto con l’aria e l’acqua subisce un processo di raffreddamento che solidifica la roccia fusa. È proprio da questa colata lavica che ha origine la roccia effusiva da cui viene ricavata la pietra lavica. Sono presenti diverse cave di estrazione di questo materiale anche sul nostro suolo nazionale, come in Sicilia a ridosso dell’Etna, e in Campania vicino al Vesuvio.

La pietra lavica ha molteplici utilizzi per la resistenza e la durevolezza del materiale, tanto che se ne è fatto in passato largo uso anche nelle pavimentazioni stradali pubbliche. Oggi è utilizzata anche per rivestimenti d’interni dal design accattivante. La pietra lavica quindi è un tipo di roccia indistruttibile che, grazie all’ottima tenuta e resistenza al calore, ha iniziato ad avere una buona commercializzazione anche nella produzione di utensili da cucina.

La pietra lavica in cucina: vantaggi

In cucina la pietra lavica viene molto utilizzata sotto forma di piastre come alternativa alla cottura sulla griglia. Infatti, la cottura su pietra lavica non fa entrare in contatto il cibo con il fumo dovuto alla combustione, la formazione del quale è causa del rilascio nell’aria e nell’alimento di sostanza tossiche, come i benzopireni, che sono idrocarburi aventi azione cancerogena sulle cellule.

La pietra lavica pertanto fornisce un sistema di cottura salutare e permette anche di cuocere cibi senza l’utilizzo di grassi aggiuntivi, dimostrandosi così una cottura ottimale per chiunque avesse la necessità di seguire una dieta ipocalorica.

Inoltre, proprio attraverso questo metodo di cottura su pietra naturale, si mantengono inalterati i valori nutrizionali degli alimenti di cui viene esaltato il naturale sapore. Sono state prodotte anche padelle e pentole dal design rustico utilizzando questo tipo di roccia, per offrire la possibilità di cuocere in maniera naturale anche altre pietanze, come arrosti e stufati, che necessitano per la preparazione di contenitori di maggiore capienza.

Caratteristiche e manutenzione della pietra lavica

La pietra lavica è una roccia naturale e, come tutti i materiali naturali, necessita di alcuni accorgimenti riguardo il suo utilizzo e la relativa manutenzione per far sì che le caratteristiche del prodotto restino intatte nel tempo.

Una delle principali caratteristiche della pietra lavica è la sua porosità che da una parte ha lo scopo di assorbire i grassi in eccesso prodotti durante la cottura dei cibi, ma dall’altra, potrebbe trattenere anche la viscosità di uno dei classici detergenti chimici che si usano abitualmente per pulire le stoviglie. È perciò assolutamente sconsigliato l’utilizzo di detergenti aggressivi sul prodotto che inevitabilmente comprometterebbero le proprietà naturali della roccia. In alternativa, per eliminare residui di cibo od odori presenti sulla piastra, si potrebbero utilizzare aceto e limone per la loro ottima capacità sgrassante.

Prima del primo utilizzo la piastra deve essere nutrita tramite olio extra vergine d’oliva, o in alternativa con un altro olio vegetale. L’olio deve rimanere in posa per ventiquattro ore, poi, dopo aver ripulito la piastra con carta assorbente, si può procedere alla preparazione della pietanza desiderata.

La piastra deve essere riscaldata a fuoco moderato per permettere alla pietra di riscaldarsi uniformemente. Al termine della cottura, data la grande capacità della pietra lavica di mantenere il calore inalterato per almeno venti trenta minuti dopo essere stata tolta dal fuoco, è assolutamente consigliato lasciarla raffreddare lentamente, senza versarvi sopra dell’acqua o peggio esporla a cambiamenti di temperatura drastici, per evitare qualsiasi shock termico che potrebbe seriamente danneggiarla. Raffreddatasi, si può procedere alla pulizia sopra descritta mediante l’utilizzo di aceto o limone.

La pizza su pietra lavica

La pizza cotta su pietra lavica, ed in particolare quella cotta su un fornetto rivestito con pietra lavica, garantisce un ottimo risultato paragonabile a quello delle migliori pizzerie dove la cottura avviene attraverso i più tradizionali forni a legna. Esistono in commercio delle piastre da forno che possono essere utilizzate all’interno dei forni domestici, che arroventandosi permettono una buona cottura della base dell’impasto. Queste capacità sono state potenziate creando un forno apposito.

Proprio per la sua capacità di mantenere il calore, la pietra lavica permette una cottura della pizza in pochi minuti, conferendo all’impasto la giusta fragranza senza seccare i diversi ingredienti scelti per il condimento.

Perché scegliere un fornetto per pizza a pietra lavica

Per gustare un’ottima pizza fatta in casa bisognerebbe scegliere un forno rivestito di pietra lavica perché i forni domestici non permettono il raggiungimento di temperature elevate, mentre i forni di questo tipo raggiungono temperature di 400°C, ideali per la cottura di pizze con il vero impasto napoletano.

È proprio la cattiva cottura della pizza che causa solitamente difficoltà di digestione, mentre utilizzando questo prodotto si potrebbe facilmente ovviare a tale problema.

La facilità dell’utilizzo di questo elettrodomestico è tale che chiunque, anche un pizzaiolo dell’ultima ora con scarse capacità in cucina, riuscirebbe a sfornare una pizza ogni cinque minuti, riuscendo ad organizzare una cena per più persone con la minima fatica e la massima resa, certo, stavolta, di non deludere nessuna aspettativa. In più il fornetto per pizza in pietra lavica è facilmente trasportabile. Ultima nota: il fornetto con pietra lavica può essere utilizzato anche per altre preparazioni, come torte salate, focacce, piadine, e dolci.


Mi occupo da diversi anni di promuovere spettacoli, eventi culturali ed artistici organizzando mostre, laboratori e redigendo recensioni divulgative ed articoli di approfondimento. I miei interessi sono molteplici, gravitano intorno a tutto ciò che mi circonda come la cucina e gli strumenti che mi permettono di realizzare ottimi piatti.

6937 6744
Back to top
Fornetto Migliore